mercoledì 30 gennaio 2013

La finestra e quando si arriva al collezionismo...

Pin It
Qualche sera fa, grazie a Silva, mi è tornata la smania di "far cantare" il mio CR.
Questo è il risultato
Sono partita da questi elementi (veramente mancherebbe l'acetato che ho aggiunto prima di assemblare il tutto)
finestra e fioriera li ho tagliati con la CR. I rametti sono una fustella bassa della Big Shot e i fiorellini sono realizzati grazie ad una fustella a leva mini presa da Impronte d'Autore.
La finestra e la fioriera vorrebbero assomigliare il più possibile alle fustelle Poppy Stamps Small Madison Window and Window Box.
Sono in fissa con queste fustelle da quando ho visto questa card sul blog stamping with Klass.
... lo so, lo so, con il CR e un po' di buona volontà, come sopra dimostrato, si possono riprodurre (più o meno) ma nulla toglie al fatto che sto in fissa e vorrei tanto averle. Dentro di me trovo scuse più o meno valide tipo:

- Ma per farne una devo accendere il PC? Con la fustella sarebbe un attimo!
Occielo anche con il PC è stato un attimo, poi io il PC l'ho perennemente acceso: chi prendo in giro!

- Ma se la taglio con il CR devo fare un secondo passaggio per embossare le parti o embossarle a mano, con la fustella fai tutto in una volta sola.
Vero, ma, come in questo caso, le parti embossate le ho fatte successivamente con il bulino impiegando meno di 30 secondi e visto che di queste card non ne faccio 100 che mi cambia?

La verità è che la voglio per averla, per collezione ecco. Solo che non mi va di prenderla oltreoceano... quindi aspetto di trovarla a portata di europa.

Intanto penso a come finire la card: mi piace la versione natalizia in cui si vede l'albero di Natale "dietro i vetri": sicuramente a Natale è un'idea che sfrutterò, ma per ora penso che ci porebbe finire uno di questi timbri di Impronte d'Autore
vedrò quale si adatta meglio, come proporzione, alla dimensione della finestra, così la posso usare per un compleanno.

domenica 27 gennaio 2013

Un incontro di gruppo da Impronte non per caso ma...

Pin It
per amicizia e voglia di stare insieme!
Così sabato mattina Lara, Barbara, Alessandra, Elena e Iole sfortunatamente solo per un veloce mordi e fuggi, ci siamo tutte ritrovate a Milano nel negozio di Impronte d'Autore.
E mentre Barbara teneva il corso di Calligrafia io e le altre compagne abbiamo approfittato della giornata non eccessivamente fredda per farci un giro per via Torino e fare qualche acquisto tra le tante chiacchiere.
Per il pranzo siamo andate al gran completo (con anche Umberto, Ermanna, Stefano e Anna) al Be Bop in viale Col di Lana (a qualche passo a piedi dal negozio), e non possiamo certo uscirne delusi! Che spettacolo... ancora non capisco come Umberto e Barbara abbiano preferito prenderesi un'insalatona così
(ok, un'insalata del genere può sfamare una famiglia) piuttosto che questa cotoletta
è spettacolcare, oltre che enorme (viene servita sul piatto della pizza) è tenera e dal sapore divino.
Solitamente viene servita con un contorno di rucola e pomodorini ma volendo proprio esagerare ho chiesto le patate al forno: una vera festa!!!
Un consiglio di parte: se siete di Milano o ci passate non fatevi sfuggire un pranzo o cena al Be Bop.
 E per concludere il post non mi resta che ringraziare tutte di cuore (Morena e Lucia ci siete mancate!!!!) per la bellissima giornata (il tempo è realmente volato via) e mostrarvi i deliziosi pensieri che ho ricevuto
dala coccola parte di Lara
il dolce pensiero di Elena

ed infine, non certo per importanza, il prezioso regalo da parte di Impronte



venerdì 25 gennaio 2013

Il Matrimonio di Daniela e Roberto: in un minialbum

Pin It
Si, si, Mamtrimonio con la M maiuscola! Sfortunatamente mi sono persa questo bel pomeriggio di festa ma l'ho rivissuto attraverso le foto e il racconto di Andrea.
Daniela e Roberto si sono sposat i a settembre dell'anno scorso ed è da allora che avevo promesso loro un minialbum e solo pochi giorni fa siamo riusciti a consegnarlo (anche perchè l'ho finito pochi giorni prima della consegna: vergona vergogna).
Eccolo dentro la scatola: il sotto è in millerighe bianco, mentre il coeprchio è in bazzill lilla chiaro e acetato

 
e questo il mini
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

domenica 20 gennaio 2013

MAN vs FOOD secondo me

Pin It

Che io sia una mangiona si sa... che abbia una preferenza per la carne non lo posso negare. Così, quando in una delle trasmissioni più colesteroliche che abbia mai visto: Man Vs Food, abbiamo visto questo "hamburger speciale"  non abbiamo potuto fare a meno di provare a farlo.
Ma dov'è la particolarità?
A parte la dimensione e di conseguenza il peso, sta nel fatto che il formaggio non è sopra la carne ma dentro!
Come si vede dalla fotina qua sotto.

Noi l'abbiamo fatto così:
partendo da due hamburger freschi
che vengono schiacciati ben bene in modo da farli diventare alti circa mezzo centimetro
su uno dei due mettiamo un po' di senape
dei pezzettini di formaggio, noi abbiamo optato per due tipi differenti (anzi nella versione che abbiamo fatto oggi il formaggio era tagliato a pezzettini piccoli piccoli, queste foto sono di qualche settimana fa)
e si chiude il tutto
si schiacciano ben bene i bordi per sigillarlo ed eccolo pronto
Si mette il tutto sulla piastra e intanto l'acquolina cresce
e poi, per le guarnizioni, ci abbiamo messo del nostro
il più semplice è quello del fratellone con solo cipolla, poi il mio abbastanza discreto, "solo" con cipolle e pancetta tesa bella croccante
e quello di Andrea e della mamma con l'aggiunta di pomodoro che come dice Andrea: "spezza"



venerdì 11 gennaio 2013

E' nata la piccola Iris Lidia

Pin It
B E N V E N U T A
piccola Iris Lidia che da ieri 10 gennaio 2013 è la grande gioia di mamma Simona e papà Fabrizio.
Per il suo arrivo volevo qualcosa di particolare perchè la mamma Simona, oltre che collega, è cara amica.
Girovagando su pinterest mi sono fatta affascinare dalle tante nuvolette feltrose dalle quali scendono cuoricini, fiorellini, stelline ecc.
Ed ecco la mia versione
una morbidosa nuvoletta bianca con il nome della piccola
e una cascata di stelline alla fine delle quali c'è una tintinnante campanellina bianca.

Ma del mio volevo mettercelo... e l'idea mi è venuta così all'improvviso: le stelline sono "intercambiabili".
Probabilmente qualcuna mi dirà: si vabbè, hai scoperto l'acqua calda... ma nella versione intercambiabili non le ho viste queste nuvolette... a dire il vero non le ho neppure cercate.
Comunque funziona così: sul dietro ci sono 4 bottoni e le file di stelline hanno un'asola, all'inizio, che permette di agganciarle alla nuvoletta.
Così, a primavera, la piccola Iris Lidia, riceverà una cascata di fiorellini, mentre in autunno ci saranno foglie dai toni caldi e per halloween scheletri zucche e pipistrelli e in inverno i cristalli di neve la faranno da padrone!
Insomma è un continuo "lavori in corso", ma questa idea mi piace da pazzi.

Per il biglietto, invece, ho usato la famosa carrozzina, in versione rosa, realizzata l'anno scorso per una sfida. Ma l'idea geniale, e qui bisogna rendere onore al merito, è del mio collega Luca: al posto della classica frase di felicitazioni, all'interno del biglietto, abbiamo stampato e incollato un QRcode: siamo o non siamo l'ufficio internet e media interattivi?


 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...